lunedì 8 giugno 2020

App per il ciclo mestruale: i lati negativi


In una generazione cresciuta con la tecnologia, per le adolescenti di oggi le app per monitorare il proprio ciclo mestruale risultano particolarmente attraenti ed effettivamente rappresentano un possibile aiuto per le ragazze ma possono anche porre un problema per privacy, condivisione dei dati ed educazione sessuale.

Allattamento e COVID-19, le linee guida


Una madre con COVID-19 e il suo bambino appena nato non dovrebbero essere separati in quanto l’allontanamento potrebbe non prevenire l’infezione nel neonato, ma solo ritardarla al periodo post dimissione dall’ospedale.

Ftalati: possibile rischio per nascite pretermine


Uno studio recentemente pubblicato su Jama Network Open afferma che l’esposizione ad alcuni plastificanti da parte delle donne nel periodo che precede il concepimento, potrebbe rappresentare un fattore di rischio per esiti di gravidanza avversi.

Fibromi uterini: ritirato dal mercato l’ulipristal acetato

Lo comunica l’azienda Gedeon Richter PLC in una nota informativa concordata con l'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) e l'Agenzia Italiana Del Farmaco (AIFA): l’ulipristal acetato (nome commerciale Esmya) 5 mg utilizzato per il trattamento dei fibromi uterini

martedì 21 gennaio 2020

Nuovo contratto medici: 200 euro di aumento lordi



Siglato in via definitiva all’Aran il contratto 2016-2018 che prevede, come novità principale, un aumento lordo ai circa 130 mila professionisti del Ssn di 125 euro al mese (per tredici mensilità) sullo stipendio base e altri 75 euro legati alla parte accessoria del salario, e questo già da gennaio o al massimo febbraio;

Pensioni medici Enpam e Inps: ecco come calcolarle


Con l’Enpam la pensione arriva a 68 anni, il metodo di calcolo è contributivo indiretto e si è favorita una riforma progressiva a partire dal 2013. Con l’Imps si va in pensione a meno di 67, il metodo di calcolo è il contributivo puro, cambiato bruscamente con la legge 335/95. Queste alcune delle differenze tra i due.

I comportamenti errati e corretti delle donne in gravidanza e delle neomamme secondo i dati Iss


Lo studio del Sistema Di Sorveglianza Sui Determinanti Di Salute Nella Prima Infanzia, coordinato dall'Istituto superiore sanità (Iss) e promosso e finanziato dal Ministero della Salute, ha visto la partecipazione di 11 regioni italiane e ha coinvolto circa 30.000 mamme intercettate nei centri vaccinali tra dicembre 2018 ed aprile 2019.